#TwPinocchio nuota nello Stretto

Le scuole di Reggio Calabria e Gioiosa Marea riscriveranno insieme su Twitter il XXXVI capitolo delle Avventure di Pinocchio ambientandolo nello Stretto di Messina.

* di Josephine Condemi e Maria Ilenia Crifò Ceraolo.

— Ma dov’è questa spiaggia benedetta? — domandò il vecchietto, diventando sempre più inquieto, e appuntando gli occhi, come fanno i sarti quando infilano l’ago. — Eccomi qui, che guardo da tutte le parti e non vedo altro che cielo e mare.
— Ma io vedo anche la spiaggia — disse il burattino. — Per vostra regola io sono come i gatti: ci vedo meglio di notte che di giorno. — (Carlo Collodi, Avventure di Pinocchio, capitolo XXXVI)

All’inizio del XXXVI capitolo, l’ultimo del romanzo di Collodi, Pinocchio e Geppetto, appena usciti dalla pancia del Pescecane, nuotano verso la riva. Immaginiamo che padre e figlio stiano nuotando nello Stretto, nel nostro Stretto che è Stretto di tutti: a quale riva tendono? E cosa vedono?

Dopo aver letto e riscritto insieme con #TwSposi l’ottavo capitolo de I promessi sposi ci abbiamo preso gusto, imbarcandoci (è proprio il caso di dirlo!) in questa nuova avventura. Reggio Calabria e Gioiosa Marea (Me) si stanno rimettendo in gioco e stanno attivando l’immaginazione: docenti, bambini e ragazzi riflettono insieme sui miti che da secoli ci tramandiamo (da Scilla e Cariddi, a Colapesce, alla Fata Morgana); sull’ecosistema biologico e le tradizioni ittiche del territorio (il pescecane-squalo mako, il pescespada dal naso lungo e tagliente cacciato con la passerella, il tonno impigliato nelle reti delle tonnare); sul sistema dei trasporti che collegano (?) le due rive.

Venti le classi impegnate: le due messinesi, dell’Istituto Comprensivo di Gioiosa Marea (@SezioneE) e le diciotto reggine, dell’Istituto Comprensivo Falcomatà-Archi (@3s_caterinarc, @4AArchiRC, @5a5bArchiRC, @5c_sCaterinaRC, @4SBrunelloRC, @1epirandellorc, @3dpirandellorc, @3AMediaArchiRC), dell’Istituto Comprensivo San Sperato-Cardeto (@1ACannavoRC, @2ACannavoRC) e del Liceo Scientifico L.Da Vinci (@3pLsvinci, @Vinci3r).

E per voi, lo Stretto, che cos’è?  E come potrebbe essere? Descriviamolo insieme, senza inibizioni, il 19 gennaio con l’hashtag #TwPinocchio/Stretto!

E’ possibile, inoltre, inviare all’indirizzo team@litteratour.com la propria citazione + foto/immagine + indicazione del luogo (indirizzo specifico) e questa sarà aggiunta al Diario di viaggio/Mappa che verrà condivisa online alla fine del progetto attraverso Litteratour. Al tempo stesso, chi vuole può usare la App di Litteratour, attualmente disponibile per iOS, per georeferenziare direttamente i luoghi del racconto.

Maria Ilenia Crifò CeraoloMaria Ilenia Crifò Ceraolo (@MariaIlenia) è nata e vive in Sicilia, dove ha conseguito sia la laurea in Lettere Moderne che quella in Filologia Moderna. Per il secondo anno consecutivo sta svolgendo l’incarico di esperta esterna presso l’I. C. di Gioiosa Marea (Me), occupandosi di laboratori di scrittura creativa insieme alla docente di Lettere Matilde Parasiliti. Scrittrice, ha all’attivo una pubblicazione di argomento storico ed etnoantropologico (Il Culto di San Nicola a Gioiosa Marea) e alcuni racconti. Collabora inoltre come giornalista con il sito web d’informazione www.gioiosatoday.it e con il bimestrale “Il Lucano Magazine”.

Josephine CondemiJosephine Condemi (@JCondemi) – E’ nata e vive a Reggio Calabria, ha studiato a Messina. Giornalista, scrive (anche) per Nòva24. Appassionata di glocal ed epistemologia della complessità, legge, soprattutto, incrocia reti on e offline e si interroga sulla direzione dello sguardo (josephinecondemi.wordpress.com).

Foto: particolare da “Lo Stretto di Messina al tramonto”, di Marco Crupi (Creative Commons).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *