Scuola

 

Scuola

Sei un insegnante interessato all’innovazione nella didattica e nell’apprendimento?

Sei un insegnante e cerchi un metodo per sviluppare competenze digitali, rendere più efficace la didattica e costruire una nuova rete di relazioni professionali? Vuoi migliorare la qualità dell’apprendimento dei tuoi studenti, contribuire a cambiare la scuola e confrontarti con altre realtà scolastiche?

Con i giochi di lettura e riscrittura di TwLetteratura scoprirai un nuovo modo per:

  • Far leggere i tuoi studenti
  • Stimolare la partecipazione degli studenti alle lezioni
  • Insegnare agli studenti come creare e curare contenuti digitali
  • Valutare l’apprendimento degli studenti in modo innovativo

Più di 14.000 studenti di 250 scuole in tutta Italia hanno letto, commentato e riscritto le opere di PirandelloAriosto, LeviCollodi, Manzoni, Rodari e Saint-Exupéry con TwLetteratura, imparando che leggere è anche giocare in modo interattivo, conoscere nuovi amici e usare in modo consapevole i social network. Il metodo TwLetteratura si sta inoltre diffondendo anche all’estero, con un primo progetto pilota in Galles, per la promozione della lingua gallese nelle scuole attraverso il social reading.

Per avere maggiori informazioni, vai alla pagina Domande frequenti e se ti servono ulteriori dettagli scrivici una mail all’indirizzo scuole@twletteratura.org.

Se sei un insegnante che ha già sperimentato il metodo TwLetteratura a scuola, certifica la tua esperienza, riceverai copia del tuo certificato in social reading.

2 Comments

  • lucia Pietriboni ha detto:

    Sono una docente di storia dell’arte alle superiori, durante la prima chiusura per pandemia ho sperimentato con i miei allievi dei modi diversi di approcciarsi all’immagine ed al testo con ottimi risultati. ora siamo alla seconda chiusura e stavo correggendo un lavoro di un allievo su Friedrich e mi sono imbattuta in un articolo de La Stampa.
    Vi contatto per sapere due cose.
    Come posso fare per avere delle delucidazioni su novi metodi” immagine e testo” e se per caso avete idea di portare a conoscenza un pacchetto di opportunità post maturità per studenti provvisti di questi talenti tecnologici.
    Grazie se potete rispondere.
    Lucia Pietriboni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *