Natale tutto l’anno con #CarolTw

Con #CarolTw, il Natale arriva anche su Betwyll e Twitter. Dal 10 al 19 dicembre leggiamo e commentiamo insieme “Canto di Natale” di Charles Dickens: un progetto in creative commons di Erika Pucci, Maddalena Santacroce ed Elena Tamborrino.

Canto di Natale

Ho sempre pensato al Natale come ad un bel momento. Un momento gentile, caritatevole, piacevole e dedicato al perdono. L’unico momento che conosco, nel lungo anno, in cui gli uomini e le donne sembrano aprire consensualmente e liberamente i loro cuori, solitamente chiusi.
Charles Dickens, “Canto di Natale”

Il testo

Canto di Natale è un breve romanzo che Charles Dickens pubblicò nel 1843. È un esempio di critica alla società, soprattutto allo sfruttamento minorile e all’analfabetismo dilaganti a causa della “Poor Law”, provvedimento inadeguato e dannoso ideato dall’upper class inglese del tempo. Nel tono fantastico del romanzo si respirano atmosfere gotiche che tratteggiano l’incontro dell’avaro e anziano protagonista Scrooge con gli spiriti dei Natali passati. La storia, un grande ed emozionante classico natalizio, si sviluppa così tra denuncia sociale e introspezione. Alla luce di questo duplice aspetto, riscoperta di valori autentici e dei contrasti sociali attuali, proponiamo la lettura dell’opera anche in lingua originale.

L’autore

Onorerò il Natale nel mio cuore e cercherò di tenerlo con me tutto l’anno.
Charles Dickens“Canto di Natale”

Charles Dickens, provenendo da una famiglia piccolo borghese che versava in cattive condizioni economiche, conobbe sin da fanciullo la miseria e il lavoro operaio connesso alla piaga del lavoro minorile. Temi come quello dell’infanzia sofferente e delle ingiustizie sociali torneranno nella sua scrittura. Con Dickens nasce infatti il romanzo sociale: l’autore usa la scrittura per illustrare i più gravi problemi della età contemporanea e descrivere la miseria dei ceti proletari nelle città industriali. A differenza di ciò che poi fece Zola nell’ambito del Naturalismo francese, tuttavia, Dickens non prese posizioni radicali, convinto che le soluzioni dovessero provenire dall’alto, dai ricchi convertiti al filantropismo e trasformatisi in benefattori. In questo senso è esemplare il “Canto di Natale” (A Christmas Carol, 1843).

Come partecipare

Per partecipare a #CarolTw su Twitter, utilizza le regole consuete previste dal metodo TwLetteratura. Leggi il testo seguendo il calendario condiviso e commenta ogni brano con osservazioni e suggestioni personali sotto forma di brevi messaggi di 140 caratteri, inserendo sempre l’hashtag del giorno.

Per partecipare a #CarolTw su Betwyll, scarica la app sul tuo dispositivo mobile attraverso App Store o Google Play. Fai pratica con il tutorial “Inizio a usare Betwyll” e poi comincia a giocare con gli altri utenti, seguendo le stesse regole previste per Twitter. Su Betwyll sarà disponibile il testo nella versione italiana. 

Il calendario

  • Sabato 10 dicembre 2016: Prefazione e personaggi (#CarolTw/01)
  • Domenica 11 e lunedì 12 dicembre 2016: Prima strofa (…/02)
  • Martedì 13 e mercoledì 14 dicembre 2016 : Seconda strofa (…/03)
  • Giovedì 15 e venerdì 16 dicembre 2016: Terza strofa (…/04)
  • Sabato 17 e domenica 18 dicembre 2016: Quarta strofa (…/05)
  • Lunedì 19 dicembre 2016: Quinta strofa (…/06)

Erika PucciErika Pucci (@erykaluna) – Nata a Firenze, laureata in Cinema, Musica e Teatro, insegnante dal 2001, appassionata di linguaggi e didattica innovativa, ama sperimentare le potenzialità del social reading in ambito scolastico e culturale. Attualmente nell’IC Torre del Lago è Funzione Strumentale Sito e Comunicazione e Animatore Digitale per il Piano Nazionale Scuola Digitale.

Maddalena SantacroceMaddalena Santacroce (@maddamoon) – Dopo un’esperienza quasi decennale come redattrice all’interno del GruppoRaffaello, ha iniziato a insegnare nella scuola secondaria di secondo grado e a scrivere testi scolastici. La passione per il mondo classico l’ha portata a contribuire a interessanti iniziative di Archeoclub d’Italia.

ElenaTamborrinoElena Tamborrino (ExLibris2012). Laureata in Lettere moderne con indirizzo filologico linguistico, è Dottore di ricerca in Geografia linguistica e Dialettologia italiana. Insegnante di Lettere nella scuola secondaria di secondo grado a Maglie (LE), i suoi interessi spaziano dalla Linguistica alla Letteratura. Nel tempo libero si occupa del suo blog letterario Io e Pepe (e libri e altro).

Vuoi sapere di più su TwLetteratura? Iscriviti alla newsletter e scarica Betwyll, la app di TwLetteratura da App Store o Google Play. Se sei un fan di TwLetteratura puoi sostenere gratuitamente lo sviluppo di Betwyll con i tuoi acquisti attraverso Helpfreely.

 

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *