Immaginazione in azione

Ideare modi alternativi di utilizzare la app: ecco la sfida finale per le tre scuole gallesi coinvolte nel progetto Creative Collaborations.

Dopo un intero anno di pratica con il social reading su Betwyll, le tre scuole primarie di lingua gallese con cui abbiamo lavorato a Caerphilly hanno messo a frutto la loro esperienza per inventare nuovi modi di usare la app.

Ogni scuola è stata invitata a immaginare altri contesti in cui poter utilizzare Betwyll e a esplorare queste alternative con i compagni. L’idea più votata è stata approfondita e sviluppata con l’aiuto dei docenti e del nostro partner Head4Arts.

Sulla base delle proposte degli studenti, il nostro team ha creato tre prototipi per la app che abbiamo presentato in classe alla fine del bimestre estivo.

I prototipi: musica, patrimonio e un movimento giovanile

Queste tre sono state le aree che gli alunni hanno deciso di esplorare nei propri prototipi. Ogni idea progettuale includeva testi e disegni creati dagli studenti nei workshop finali.

Con Miswig Cymru, la scuola Cwm Gwyddon ha trasformato quanto appreso in un precedente progetto in un viaggio di social reading all’interno della scena musicale gallese, con link a canzoni e video da commentare.

La scuola Penalltau ci ha fatto scoprire le Cymru Cyffroes, le meraviglie del Galles: cinque diverse sezioni dedicate a lingua, cibo, sport (indovinate quale), miti e leggende e paesaggio.

Infine, la scuola Gymraeg Trelyn ha presentato l’Urdd, una grande organizzazione per bambini e ragazzi che promuove e sostiene la lingua gallese attraverso varie attività e campi residenziali.

Durante le tre presentazioni dei prototipi, gli alunni hanno avuto modo di scoprire il back-end della app e di vedere i loro progetti pubblicati in tempo reale. Erano davvero emozionati di vedere il prodotto finale dei loro sforzi collettivi sullo schermo. Ma anche curiosi di scoprire cosa avevano inventato le altre classi e impazienti di condividere i propri feedback via twyll.

Le fasi precedenti

Nell’anno scolastico 2018-2019, il progetto TwLetteratura Caerffili ha riunito gli studenti di quinta di tre scuole primarie di lingua gallese  perché sperimentassero la nostra app. Gli studenti hanno prima letto e commentato il libro di Dan Anthony Rugby Zombies – Sombis Rygbi. L’autore stesso è stato coinvolto nella facilitazione insieme alla poetessa e scrittrice creativa Rufus Mufasa.

Quindi, hanno collaborato con il traduttore Ioan Kidd, con l’illustratore Huw Aaron e con la casa editrice Gomer Press alla creazione della versione gallese del libro di Dan Anthony The Bus Stop at the End of the World. Arhosfan Ym Mhen Draw’r Byd è stato lanciato a maggio 2019 a Cardiff durante il festival giovanile Urdd Eisteddfod e ha permesso di stimolare il dibattito su come i libri per bambini vengono tradotti per i parlanti gallese.

Una delle docenti coinvolte, Helen March, vicepreside della scuola Cwm Gwyddon, racconta:

L’impiego della app Betwyll ha reso la lettura insieme molto più divertente e davvero utile. I bambini l’hanno adorata. Era moderna ed efficace. Alla fine, alcuni di loro erano così abituati ad usarla da scrivere versi o commenti in rap senza esitazione. I 140 caratteri erano perfetti per lasciar perdere le chiacchiere e la possibilità di concentrarsi su paragrafi, vocabolario e personaggi è stata preziossima.

La partnership

Il progetto è stato reso possibile attraverso il bando Creative Collaborations dell’Arts Council of Wales, un programma che sostiene partnership innovative e creative in cui gli studenti sono coinvolti nella progettazione e nella direzione del lavoro.

Questa straordinaria avventura ha inoltre visto la collaborazione di un ampia rete di partner, tra cui Gomer PressLiterature Wales e il team di Menter Iaith Sir Caerffili, tutti coordinati dall’organizzazione per le arti di comunità Head4Arts.

L’articolo Immaginazione in azione è apparso per la prima volta su betwyll.